PROMOZIONE. Incredibile: la Trevigliese esonera mister Maurizio Lucchetti

Nonostante il 2° posto in classifica, dopo la sconfitta nel derby con la Zanconti arriva la clamorosa decisione della società, che affida la panchina a mister Bolis

Di Fabio Faciocchi | Mercoledì, 02 Marzo 2016 11:10

 

Incredibile alla Trevigliese: esonerato mister Maurizio Lucchetti.

La società biancoceleste solleva dall’incarico il tecnico cremasco, che pure aveva guidato la squadra sino al 2° posto in classifica: fatale la sconfitta rimediata domenica nel derby con la Mario Zanconti.

La panchina della squadra di Promozione sarà ora affidata a mister Marco Bolis, tecnico in passato accostato anche al Crema 1908, protagonista in Serie D con il Mapellobonate, in Eccellenza con i campionati vinti con Merate e Pontisola, nonché con la parentesi a Darfo Boario.

“Siamo stati dispiaciuti della scelta, ma abbiamo ritenuto di dover dare una sterzata alla stagione”, ci spiega il direttore sportivo della Trevigliese, Gianluca Leo, “La squadra era reduce da due pareggi e dalla sconfitta nel derby, ma soprattutto aveva perso punti con squadre alla sua portata come Codogno e Montanaso. Crediamo ancora al primo posto e speriamo di tornare al più presto in Eccellenza, magari già a partire dalla prossima stagione”.
Nulla da dire sul lavoro di Lucchetti, anzi: “Paradossalmente è un tecnico troppo bravo per questa categoria: forse ha un po’ faticato a calarsi nella mentalità che serve in Promozione, ma è e resta un tecnico di valore assoluto, davvero bravissimo”.

 

LE PAROLE DI MISTER MAURIZIO LUCCHETTI

Ovviamente amareggiato mister Maurizio Lucchetti, costretto a lasciare una squadra in piena corsa per il titolo in Promozione: “Mi dispiace molto per la scelta della società: se sono troppo bravo vorrà dire che cercherò di essere meno bravo la prossima volta”, ci ha detto, non senza ironia, “Ero consapevole dei rischi che avrei incontrato scendendo di categoria: evidentemente è più importante il derby con la Zanconti che non aver costruito con un buon lavoro una squadra pronta a competere per il titolo”.

“Domenica abbiamo giocato un derby folle, in cui abbiamo anche subito due espulsioni: fosse accaduto un paio d’anni fa avrei rimediato sei giornate di squalifica per proteste”, ci dice scherzando, “Prima ero troppo veemente, ora troppo poco?”.

“Credo che questa squadra abbia avuto un rendimento straordinario, forse oltre le proprie potenzialità. Siamo riusciti a creare un gruppo e un clima che incentivassero tutti i ragazzi ad andare oltre i propri limiti e a dare il meglio di sé.
Nel lavoro svolto abbiamo cercato di mascherare i difetti di questa squadra: per il mercato di dicembre avevo chiesto un difensore, dopo la partenza di Bottini, e invece sono arrivati quattro attaccanti, tutti di livello. Non è stato facile gestire questa situazione, ma anche qui alla fine avevamo trovato un ottimo equilibrio”.

 

 

Qualche problema si era registrato a novembre, ma la situazione era poi rientrata, dando anzi nuovo slancio alla Trevigliese: “Dopo l’eliminazione in Coppa con la Stezzanese e la sconfitta in campionato con la Pontirolese avevo pensato di fare un passo indietro e dimettermi, perché temevo di non riuscire a far passare alla squadra le mie idee. I giocatori si sono invece fatti carico delle proprie responsabilità e hanno deciso di impegnarsi ancor di più: siamo usciti molto rinforzati da quella vicenda e il gruppo si è ulteriormente compattato, trasformandosi in una vera squadra”.

Difficile capire quali possano essere le motivazioni più profonde dell’esonero: “Ritengo che sia stato svolto un ottimo lavoro, anche per la stessa società, perché molto spesso ho fatto giocare e dato spazio ai giovani provenienti dal settore giovanile della Trevigliese. Non so fino a che punto sia una sola questione di risultati, magari potrebbero anche non aver apprezzato il mio modo di chiudere le porte dello spogliatoio alla società. Ritengo che la dirigenza debba occuparsi delle situazioni societarie, l’allenatore della gestione del gruppo e degli aspetti tecnici”.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

 

 

Tiramisù