CREMA 1908. Pesantissimo ko 0-4 al Voltini: parole al vetriolo di Zucchi

Il Levico Terme si impone con due gol per tempo: una doppietta a testa per Alberti e Brusco. Mese nefasto per i cremini, spenti e incapaci di reagire: dura conferenza del presidente, che impone il silenzio stampa

Di Redazione | Giovedì, 11 Gennaio 2018 10:34

CLICCA QUI per GLI HIGHLIGHTS

CLICCA QUI per LA CONFERENZA STAMPA COMPLETA del Presidente Zucchi

Difficile descrivere quello che stia accadendo al Crema 1908.

Non bastano certamente i cambiamenti del mercato e del mese di dicembre o l'infortunio di Pagano a spiegare una situazione simile.
La squadra gagliarda capace di tenere testa al Pergo nel confronto diretto si è letteralmente sciolta nelle ultime settimane: sotto tono, senza mordente e incapace di reagire.

Non bastano qualche sprazzo a Trento e il secondo tempo a Darfo per cambiare la valutazione negativa di questo periodo.
La brutta sconfitta al Voltini da parte del Levico Terme è solo una conseguenza, così come il punteggio finale: lo 0-4 rappresenta un passivo pesante da accettare.

Per i cremini si tratta del terzo ko consecutivo, la seconda sconfitta in quattro giorni, appesantita dagli 8 gol subiti e da una classifica che non aspetta nessuno.

Se resta un buon margine sulle ultime due posizioni che implicano la retrocessione, il vantaggio sulla zona playout si è affievolito a soli 3 punti.

I sostenitori cremini trovano poche parole per raccontare il match di ieri, ma a fine partita è il presidente della società, Enrico Zucchi, a prendere il microfono, imponendo il silenzio stampa allo staff tecnico e alla squadra, parlando direttamente ai giornalisti con un intervento al vetriolo.

«Ciò che ho visto oggi non gratifica né i tifosi, né gli sforzi che stiamo sostenendo per l’amore verso una maglia che merita rispetto.
Ho massima stima per Maurizio Lucchetti, che non può essere colpevolizzato per le scarse prestazioni del gruppo.
Al contrario sono i giocatori che stanno dimostrando assenza di agonismo e di senso di appartenenza.
A me non sta bene. E non sta bene al consiglio di amministrazione.
Chi non è disposto a dare il massimo per la maglia nerobianca è libero di andarsene fin da subito.
Noi manteniamo sempre i nostri impegni, ma in cambio pretendo impegno e serietà».

Emblematica la difesa pubblica del tecnico, evidente la volontà di scuotere direttamente i giocatori, protagonisti in campo di una delle prove più negative del nuovo corso cremino.

 

 

 

I primissimi minuti del match, pur non entusiasmando, non avrebbero lasciato pensare a un simile tracollo dei nerobianchi, che in avvio hanno provato a mantenere le redini del possesso palla, per quanto sterile e inefficace: un colpo di testa di Testardi sul cross di Gibeni e conclusioni da fuori, a cura di Testardi e Tonon. Insomma, il "solito" Crema un po' compassato e un po' sornione, pronto a graffiare quando possibile. Invece, con il passare dei minuti, però, il giovane Levico Terme si mostra più tonico e reattivo, costruendo occasioni ben più pericolose: Marenco salva sulla conclusione di Bertoldi, ma non è questo l'unico pericolo. La crescita ospite è il preludio al gol che arriva al 37', quando un pallone perso innesca Bertoldi, bravo a servire Alberti per lo 0-1. Ci si aspetterebbe la reazione del Crema 1908, che invece arranca e incassa il raddoppio già prima dell'intervallo: Brusco riceve palla da Alberti e insacca lo 0-2 con cui si rientra negli spogliatoi.

La speranza dei tifosi era quella di assistere a una reazione nerobianca, che avrebbe potuto certamente portare alla rimonta, magari guidata dai subentrati Bahirov, Arpini e Dell'Anna, ma arriva presto la doccia gelata del terzo gol ospite: Alberti festeggia la convocazione nella Rappresentativa Serie D con doppietta (e assist) per lo 0-3, che chiude i conti. Nemmeno Mandelli e Matei riescono a portare la scossa e al 70' arriva anche lo 0-4 di Brusco.

Il gol annullato a Testardi per fuorigioco e l'occasione mancata da Bahirov non avrebbero comunque cancellato la crisi cremina, che apre ora un serio momento di riflessione in casa nerobianca.

 

 

Serie D - Girone B

CREMA 1908 - LEVICO TERME 0 - 4 
37’ pt Alberti; 43’ pt Brusco; 3’ st Alberti; 23’ st Brusco

CREMA 1908: Marenco, Donida, Scietti, Gomez, Testardi, Mantovani (17’ st Matei), Capuano (1’ st Bahirov), Gibeni (1’ st Dell’Anna), Stankevicius (1’ st Arpini), Ogliari, Tonon (11’ st Mandelli).
A disposizione: De Bastiani, Arpini, Restuccia, Zanaboni, Ferretti, Mattei, Dell’Anna, Mandelli, Barbero.
Allenatore: Maurizio Lucchetti.

LEVICO TERME: Bastianello, Acka (30’ st Fanelli), Micheli, Cosentino (22’ st Xamin), Pregnolato, Severgnini, Bertoldi, Castellan (19’ st Pancheri), Alberti (34’ st Battista), Rinaldo, Brusco (30’ st Rippa).
A disposizione: Stefani, Brugger, Pancheri, Andreatta, Battista, Rippa, Xamin, Fanelli, Dellaserra.
Allenatore: Stefano Manfioletti.

Arbitro: Maria Sole Ferreri Caputi.
Assistenti di Linea: Daniele Sonetti e Marat Ivanavich Fiore.
Ammoniti: Mantovani, Tonon, Ogliari, Bertoldi.

 

Tiramisù